L’arte secondo alcuni

Più di una volta sulla mia pelle ho provato i brividi che può provocare un’opera d’arte.
La passione vera, quella cosa che ti prende lo stomaco e non ti fa sentire la stanchezza o la fame, che ti porta a fare pazzie, in certi casi più profonda dell’amore carnale.
Solo chi ha il tuo stesso seme di follia può capire che piantarsi davanti ai Musei vaticani dalle otto del mattino non è un sacrificio, che guardare con gli occhi spalancati i quadri di Caravaggio sperando, con le pupille sgranate, di riuscire a rubare l’immagine fino nel profondo non è l’anticamera alla camicia di forza ma un bisogno fisiologico.
Stamattina per la prima volta sono riuscita a percepire questa dolce tempesta di emozioni attraverso le parole di qualcuno che non conosco di persona ma che deve aver provato esattamente quello che ho descritto prima.

Annunci