Teleguide

È di ieri la notizia del nuovo progetto Teleguide che MP Mirabilia ha sviluppato insieme a Telecom Italia.
Per accedere al servizio è sufficiente chiamare il numero unico 48255, seguire le indicazioni della voce guida ed inserire il codice identificativo presente sui pannelli informativi in prossimità del monumento.

L’utente potrà scegliere di ricevere le informazioni attraverso una chiamata, una videochiamata, oppure utilizzando la tecnologia wap che permette di navigare direttamente in internet. Il costo del servizio è di 5 euro e consente l’accesso a tutti i contenuti audio e video – della durata media di 2,5 minuti ciascuno – sia in italiano che in inglese, senza limitazione per le 24 ore successive al primo accesso.

Per il momento il servizio sarà attivo solo nelle città di Bari e Lecce, presto arriverà  a Ravenna, entro il 2012 in tutto il territorio nazionale.

Non si tratta di una vera e propria novità, già nel 2005 la stessa Mirabilia aveva sviluppato insieme ad Albacom (partner tecnologico) un progetto simile chiamato sempre Teleguide, in quel caso l’utente doveva digitare il numero 892.292 e pagare 60 centesimi da telefono fisso (come fai a portarti il telefono fisso davanti alla chiesa di Santa Croce a Lecce?) o 72 cent. più scatto alla risposta con il cellulare.

Nulla di veramente nuovo sotto il sole. Nonostante non sia proprio convinta dell’utilità di un servizio del genere, soprattutto sapendo che esistono forme gratuite di turismo per così dire “collaborativo” (geoblogging), mi rendo conto che la stragrande maggioranza dei turisti non hanno molta dimistichezza con le tecnologie soprattutto quando si parla di beni culturali e un servizio del genere potrebbe essere un passo avanti per sciogliere il ghiaccio che immobilizza gran parte del patrimonio culturale italiano.

Segnalo qualche altro articolo che tratta dell’argomento:

Buona lettura.

One thought on “Teleguide

  1. Sono adato a dare un’occhiata al sito di Mirabilia per avere più info e – da buon grafico – la cosa che mi ha colpito di più è stato.. il restyle del sito!!!

    Con piacere ho notato che l’azienda ha tolto (almeno sul web) quel vecchiume che si portava dietro da un po’.
    La nuova grafica esprime serietà, sobrietà e perfezione, tutte qualità che un’azienda che lavora fianco a fianco con il Ministero per i Beni Culturali deve necessariamente avere.

    Ma non è tutto: la sorpresa non è ancora arrivata.
    Navigando sul loro nuovo bel sito ho cliccato su ‘credits’, scoprendo che.. il sito non l’hanno fatto loro!!

    Incredibile ma vero, la grafica azzeccata e svecchiante che mi ha colpito non è opera di chi cerca di ammodernare l’arte in Italia (e produce siti web per lavoro), ma è stata progettata da un’azienda di Torino (http://www.easybit.it) giovane e dinamica che ha nel suo portfolio diversi lavoretti interessanti.

    Voto:
    7+ a Easybit.

    4 a Mirabilia. Per l’impegno.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...